2013-07-08

Corea del Nord e Corea del Sud a colloquio per riaprire il distretto industriale di Kaesong

Fonte: radio vaticana
Prove di dialogo su Kaesong

Segnali di riavvicinamento tra Corea del Nord e Corea del Sud. Sono infatti ripresi da qualche giorno i colloqui sulla riapertura del complesso industriale di Kaesong, dove fino a tre mesi fa imprese sudcoreane operavano in territorio nordcoreano. Ma qual è il significato di questo passo diplomatico? Michele Raviart lo ha chiesto a Rosella Ideo, esperta ed analista geopolitica dell’Asia orientale.RealAudioMP3 

R. – Kaesong ha rappresentato davvero, anche simbolicamente, questa cooperazione fra i due Paesi. E’ stato proprio il momento in cui uomini del sud e uomini del nord hanno in un certo senso collaborato, malgrado le ovvie restrizioni poste dal governo dei Kim.

D. – Quali sono le potenzialità di questa zona in chiave di riappacificazione?

R. – Kaesong doveva essere ancora migliorata in modo da creare i motivi di fiducia tra le due popolazioni. Naturalmente Kaesong è una zona industriale relativamente piccola, dove però c’erano oltre 120 piccole imprese sudcoreane, con duemila operai e circa 25 mila impiegati che lavoravano sia all’interno, sia con i subappalti, etc. Soprattutto, c’erano 53 mila operai nordcoreani. Tutto questo ha portato a circa 90 milioni di dollari di guadagni.

D. - Il regime nordcoreano alterna momenti di tensione a momenti di distensione. Qual è invece la posizione della Corea del Sud?

R. – C’è da considerare che nel governo della sig.ra Park, che è un governo conservatore, molti sono i falchi che vogliono continuare a mantenere un atteggiamento di durezza nei confronti del nord, a meno che non si privi dell’arma nucleare che tra l’altro è l’unico atout di cui dispone la Corea del nord. Quindi questi rapporti sono molto tesi ed è difficile a questo punto vedere di chi è la colpa. C’è una mancanza totale di fiducia tra i due governi.

D. – Abbiamo parlato di nucleare. Come viene visto il problema sia dalla Corea del sud sia, a questo punto, a livello internazionale?

R. - La questione nucleare è una questione che va vista nel contesto della geopolitica dell’Asia nordorientale e cioè degli interessi geopolitici delle grandi potenze, soprattutto degli Stati Uniti e della Cina. Gli Stati Uniti stanno tornando in Asia in forze. Stanno spostando tutte le forze militari in questo scacchiere e l’idea è di controllare in un certo senso la Cina. La Cina se ne rende perfettamente conto e non penso mollerà mai il regime dei Kim che la mette in imbarazzo molto spesso. La sfida sino-americana non permette a questa povera penisola di decidere da sola le sue sorti.



Testo proveniente dalla pagina http://it.radiovaticana.va/news/2013/07/08/corea_del_nord_e_corea_del_sud_a_colloquio_per_riaprire_il_distrett/it1-708140
del sito Radio Vaticana 



Nessun commento:

Posta un commento